18 novembre 2006

Le meteore nel firmamento della notorietà

Buon pomeriggio a tutti i giovini e alle giovini dell'universo intero che qui son giunti!

Lo so, è da un po' che non aggiorno il blog, quindi mi faccio perdonare e passo subito allo scoop del secolo.
Molti di voi sanno che il mondo dello spettacolo è effimero e quindi dei personaggi che oggi ci sembrano dei divi indiscussi, domani cadranno nell'oblio più totale.
Ci sono stati anche dei programmi di successo, come ad esempio il famosissimo Meteore di Italia Uno, che hanno sfruttato la curiosità della gente di scoprire che fine hanno fatto i loro idoli del passato.
Ed oggi voglio anche io occuparmi di questa meravigliosa attività, dandovi notizie di un personaggio televisivo, e non, famosissimo negli anni passati.
Per chi fino a qualche anno fa era ancora un bambinello, il nome Pokémon richiama alla memoria tanti ricordi indissolubili: una vera e propria mania planetaria!
Pensate, i Pokémon erano stati persino dipinti sulla carlinga di un jet della JAL (la compagnia aerea giapponese più famosa)! Decine di videogiochi sviluppati per sfruttare l'onda della fama, addirittura due film distribuiti in tutte le sale italiane, carte da gioco, figurine, zaini e cartelle, pupazzi e magliette...
...e adesso che l'attenzione della massa è andata via via scemando? Che fine ha fatto il topo elettrico dopo il lento declino della sua serie di anime? Sì, sto parlando proprio di lui, di colui che si ama o si odia profondamente!
Di Pikachu!

Ebbene, lo scoop è proprio questo: Pikachu, dopo essere stato sfruttato, malmenato, ed umiliato nella serie televisiva (gli facevano dire sempre e solo le stesse cose), nel vedere che ormai il suo conto in banca non lievitava più come gli anni passati, ha deciso di intraprendere una carriera da libero professionista.
E devo ammettere anche che da un certo punto di vista si è dimostrato particolarmente altruista. Smessi i panni del combattente soft (ricordo che non è morto mai nessun Pokémon per i danni subiti), si è armato di spirito imprenditoriale e ha iniziato un lungo tour negli ospedali di tutto il mondo.
Come dite? E' diventato un clown per bambini? Ma non dite corbellerie! Ormai i bambini di oggi non sanno nemmeno chi cavolo sia. Anzi, se lo vedessero, lo scambierebbero per una palla ed inizierebbero a prenderlo a calci.

Pikachu è furbo, molto più furbo. Ha sfruttato la sua dote innata: l'elettricità.
Ed è per questo che è impegnato come defibrillatore vivente, a carica infinita.
Non stupitevi quindi se in un ospedale vedrete, mentre un malatto è colpito da arresto cardiaco, il buon Pikachu saltellare da parte al medico di turno: quello è il suo lavoro. Dovreste solo ringraziarlo.

E se non mi credete, beccatevi questa recentissima foto.



Categorie:

4 commenti :

Gg ha detto...

Te non c'avevi il mal di gola e non prendevi antibiotici.
Questo post ne è la dimostrazione; l'alzheimer non è un male di stagione e il tuo pusher taglia male la roba!

La Compiuta Donzella del 2000 ha detto...

Tsk, come al solito la mia immane genialità non è stata capita :P

Free925 ha detto...

io preferivo il vibratore con la testa di pikachu. Quella sì che è stata un'invenzione. Questo mica ti sveglia :P

tua cuggy^^ ha detto...

sn rimasta sbigottita da qsto post...nn ho la forza di commentarlo cuGGina^^