29 ottobre 2006

Nuvole e lenzuola

Cari personaggi internettiani, qui è la Compiuta Donzella del 2000 che vi parla!

Sono qui per proporvi l'ennesima pietra miliari delle...Canzoni Incomprensibili ®!
Ebbene sì, credevate di essere sfuggiti al destino infame, ma in realtà vi tocca spremervi le meningi per trovare un significato all'ennesimo esempio di incomprensibilità musicale!

Oggi ci soffermeremo sull'analisi di una canzone abbastanza recente, dato che risale al vicino 2005.
Dall'album "Mentre tutto scorre", ecco a voi una delle maggiori hit del gruppo pugliese (lo sapevate che sono di Lecce?) dei Negramaro: Nuvole e lenzuola!
Dopo un primo ascolto la canzone ci sembra pregna di significato, un po' ermetica ma concettualmente densa. Se leggiamo bene il testo invece possiamo renderci conto che manca qualcosa di opzionale: ovvero il soggetto. Insomma, tale canzone è un vero e proprio orizzonte ermeneutico, dove si può scorgere tutto e niente al tempo stesso.
Ma analizziamo bene il testo!

Nuvole e lenzuola

Ore che
lente e inesorabili
attraversano il silenzio
del mio cielo
per poi nascondersi
ad un tratto
dietro nuvole
che straziano il sereno
sentirle riaffiorare
quando tutto
sembra aver trovato il giusto peso
aver la voglia
di rubarle al tempo
per potergli dare
tutto un altro senso
distratto, stupido e testardo
come sempre provo a farlo
ho deciso di fermarlo
per poterti avere ancora
non dire una parola
sperando che non se ne accorga
ho strappato via anche l’ultima mezz’ora
pensando che sia l’unica maniera
per sentirti qui vicino ancora
sempre più stupido e testardo
come sempre torno a farlo
e di nuovo per fermarlo
e poterti dire
ancora
tra nuvole e lenzuola
non FARLO PER UN’ ORA
non farlo mai per ora
e stringimi allora
tra nuvole e lenzuola
non dire una parola
non dire una parola

ore
che lente
e inossidabili
attraversano il silenzio del mio cielo
e si nascondono ad un tratto
dietro nuvole
che straziano il sereno
le senti riaffiorare quando tutto
tutto sembra aver trovato il giusto peso
aver la voglia di rubarle al tempo
per potergli dare ancora un altro senso ancora
stringimi allora
tra nuvole e lenzuola
non DIRE UNA PAROLA
non farlo mai per ora
abbracciami ancora
tra nuvole e lenzuola

non dire una parola
non dire una parola

ore
che lente
e inossidabili
attraversano il silenzio del mio cielo
e si nascondono ad un tratto
dietro nuvole
che straziano il sereno
le senti riaffiorare quando tutto
sembra aver trovato il giusto peso
aver la voglia di rubarle al tempo
per potergli dare ancora un altro senso ancora


E' vera poesia, non c'è che dire...ma una domanda sorge spontanea: caspito significa? Chi non si deve accorgere che ha strappato l'ultima mezz'ora? Una supposizione plausibile è che il tizio abbia abbandonato il posto di lavoro prima del previsto. Ma allora perché dice "anche l'ultima mezz'ora"? E' un assenteista cronico? Però poi afferma "pensando che sia l’unica maniera per sentirti qui vicino ancora". E qui entro in seria crisi: abbandona il lavoro prematuramente perché così la sente vicino ancora? Sta parlando di una donna? Di una tartaruga? Oppure semplicemente della tazza del water?
E poi chi non deve fare cosa per un'ora? O meglio, mai per ora? Secondo me non si dovrebbero mai fare assonanza o rime a caso fregandosene altamente del significato, ed infatti non scrivo testi di canzoni e le mie squallide poesie non sono neanche degne di essere messe su un blog di cretinate.

Ma comunque! Si accettano libere interpretazioni: non abbandonate questa bellissima canzone al suo destino crudele di incomprensibilità!

Categorie:

11 commenti :

Gg ha detto...

Chi non deve accorgersi credo sia "il sig. Tempo" (non i fazzoletti, ma proprio il tempo, quello che si ottiene dividendo uno spazio per una velocità ad esempio).
A chi si rivolge invece, credo sia "la sig.ra scorreggia", e più precisamente tale signora Loffa, rilasciata prima di addormentarsi.
Il tutto secondo me.
Anche io scrivevo poesie. Mai fatto un'ode al peto però... e questo credo sia il motivo del mio insuccesso...

^_________________________^

ABS ha detto...

Secondo il mio modesto parere deve esistere una specie di polygen per i testi delle canzoni che sforna robe di questo tipo. Suona bene, comunque.

tua cuggy^^ ha detto...

salve cuggy...innanzitutto...evito di pronunciarmi sulla canzone...anche perchè...non l'ho capita:P...ahuahuahu...cmq non vorrei dire...ma le tue poesie sono carucce...e vorrei ricordarti che io ne ho sempre una pronta...lì...x essere INVOLOTARIAMENTE postata insieme a1mio commentino sul tuo blogghino(va che bella rima...e ha1senso...poxo scrivere canzoni:P...ke poi basterebbe vestirsi pc e sculettare cm le pussycat dolls^^ahuahuahu)...ok,basta cagate...ti saluto...CiaO cuggyyy!!!^^

Sara ha detto...

Sì è il tempo che non deve accorgersene... Si capisce perchè all'inizio parla di "ore lente e inesorabili" e di "aver la voglia di rubarle al TEMPO" dal di lì continua a parlare proprio del tempo... "ho deciso di fermarlo" "sperando che non se ne accorga ho strappato via anche l'ultima mezz'ora" e così via.. se rianalizzate la canzone pensando a questo tutto ha un senso.. ed è magnifico secondo me ;-).

Tutto + chiaro adesso no? ;-)

Free925 ha detto...

wa... non l'avevo letto! ora tutto ha un senso! mi è stato aperto un mondo :O

e dire che traduco Basho e non riesco a tradurre questo... faccio schifo

Anonimo ha detto...

soggetti: tempo ed una donna

Anonimo ha detto...

QUANDO HO LETTO IL TESTO, MI SONO SENTITA UN IDIOTA IN QUANTO NON HO TOVATO NESSUN SENSO E NESSUN MESSAGGIO. ALLORA SONO USCITA DI CASA E HO FATO LEGGERE IL TESTO A PIù PERSONE MA NULLA ..... FINALMENTE MI SONO RINCUORATA ... NON SONO STUPIDA ...

Anonimo ha detto...

Secondo me (almeno da quello che ci ho capito) è un ragazzo che è innamorato di una ragazza, ma evidentemente sono solo amici per volontà di lei quindi quando sono insieme lui cerca di nascondere il tempo che passa per non farla andare via come se la potesse avere sua ancora per un pò. Infatti dice "distratto, stupido..." perchè dentro di se spera sempre di poter essere di più per lei e "bastardo" perchè fa di tutto per conquistarla senza però farsi scoprire da lei e fingendosi un amico.
Cit. "sperando che non se ne accorga (la ragazza)
ho strappato via anche l’ultima mezz’ora (l'ho fatta rimanere mezz'ora in più con me)
pensando che sia l’unica maniera
per sentirti qui vicino ancora
sempre più stupido e testardo
come sempre torno a farlo (cioè ogni volta che quando si vedono arrivano al momendo del lasciarsi si perde in discorsi per farla restare un pò di più)
e di nuovo per fermarlo (il tempo)"

Forse il "non farlo per un'ora" è inteso come "non andare via in quest'ora ma rimani con me un altro pò"

Cit. "aver la voglia di rubarle al tempo (alla ragazza)
per potergli dare ancora un altro senso ancora (cercando ogni volta di dare un senso agli ultimi attimi che stanno insieme)
stringimi allora
tra nuvole e lenzuola
non DIRE UNA PAROLA (dice alla ragazza di non dire nulla ma di stringerlo solamente)
non farlo mai per ora (cioè non rovinare il momento che c'è tra i due e non dire che devi andare)"

Apparte che i negramaro non mi piacciono neanche xD però l'ho interpetata così :) sarà che ho avuto un esperienza simile...fammi sapere cosa ne pensi della mia interpretazione che sono curiosa xD

By miyu

Compiuta Donzella del 2000 ha detto...

Anche questa interpretazione non è malaccio. Insomma, questa canzone sembra proprio un orizzonte ermeneutico! XD

Solo il pelatozzo dei Negramaro probabilmente sa il vero significato XD

Anonimo ha detto...

l'elogio al peto è il miglior commento

Anonimo ha detto...

Secondo me è un tradimento. La serenità che sembrava raggiunta viene squarciata dal pensiero dell'altra. E il tempo passato con lei è tempo rubato e non c'è spazio pe parole o spiegazioni da dare. Quelle nuvole di cui ssi parla squarciano il sereno. È passione. E sess o. Nuvole e lenzuola. Se non l'avete vissuto non potete capire.